Urban Decay Moondust eyeshadows, come evitare il fallout

Probabilmente nessuno si filerà questo post perché sarete tutte in vacanza, ma vabbé, lo leggerete al ritorno e spero vi sia utile! Per chi di voi ha uno dei nuovi Moondust eyeshadows di Urban Decay, avrete constatato già quanto siano meravigliosi e quanto illuminino la palpebra, non passano davvero inosservati! Purtroppo però hanno un 20150809_120603difetto: un fallout da paura. Il primo Moondust che ho provato è stato Solstice (nella foto è quello a sinistra), tentata da tutte le review entusiaste che leggevo ovunque. E in effetti sì, non me ne pento perché è un colore STUPENDO e difficile da descrivere, è un duochrome rosso con dei riflessi blu. Però la prima volta che l’ho applicato ho messo come al solito uno strato di primer potion e l’ho picchiettato sulla palpebra con i polpastrelli senza usare il pennello per evitare che i glitterini volassero in giro. Risultato: sono uscita di casa con le guance piene di glitterini comunque. Siccome la testardaggine è una delle caratteristiche principali del mio carattere (ma nooo! XD ) mi sono fatta tentare anche da Ether (un bellissimo viola con glitterini multicolore, nella foto quello a destra) e ho cercato di capire come sfruttarli senza diventare una palla da discoteca vivente. Ho provato ad applicarlo allora sopra alla combo primer potion+ ombretto cremoso di un colore che si possa abbinare bene per risaltare i riflessi. Adesso vi mostro gli abbinamenti che ho fatto! 😀

Prima di tutto, ecco gli swatches dei due ombretti da soli, non è facile catturare i riflessi20150809_121143 con la fotocamera ma credo che questa foto sia abbastanza fedele (sopra Ether e sotto Solstice).

Ho scelto per il momento di fare una specie di tono su tono abbinandoli ad ombretti cremosi dai colori simili, appena mi procurerò un matitone nero li testerò su base nera per vedere cosa viene fuori (a proposito: mi consigliate un buon matitone nero? 😀 Grazieee!). Primo tentativo: Ether sopra all’ombretto “Diapason” di Chanel, che è di colore simile ma molto più “discreto” come 20150809_122040vedete: Diapason da solo è quello in alto, sotto vedete la combo Diapason+ Ether….una bomba!!! *_*

Premetto che quest’abbinamento l’ho testato sugli occhi domenica scorsa, al mare e con un caldo assurdo e ha retto benissimo, nessun fallout! Ho applicato Diapason e sopra ho picchiettato Ether con le dita per evitare svolazzamenti vari. Non ho fatto foto al makeup quel giorno (ehm…ero in ritardo! :P), ma credo comunque che il modo migliore per vedere la resa dei colori sia sul braccio perché sull’occhio la fotocamera non è sempre così fedele.

Poi, ho provato ad utilizzare come base un ombretto cremoso opaco, il velvet matt di Pupa n. 601 (di cui vi avevo già parlato qui) che è un grigio violaceo molto raffinato…ma Ether può dargli quel tocco in più! Qui sotto nella foto vedete il velvet 20150809_121611matt di Pupa a destra e il velvet matt con sopra Ether a sinistra. Poi ho pensato che con il caldo assurdo che fa in questi giorni l’ombretto cremoso può non essere abbastanza e ho provato a pasticciare con la base per glitter di LA Splash che avevo preso al 20150809_123713_Richtone(HDR)Cosmoprof (di cui vi parlo qui) e che non avevo ancora avuto modo di provare per bene. L’ho testata sempre nell’abbinamento precedente sopra a Diapason e sotto ad 20150809_123840_Richtone(HDR)Ether, devo dire che anche qui la differenza si vede, perché la base di LA Splash crea una superficie appiccicosa (ha un applicatore che sembra quello di un lucidalabbra) che fa sì che i glitterini di Ether si attacchino e formino una “macchia” compatta. Anche il colore risulta intensificato (non in maniera troppo evidente però). Ed ecco qui la differenza tra Diapason+ Ether (a sinistra) e Diapason + base LA 20150809_122754Splash+ Ether (a destra). Non si vede benissimo in foto purtroppo, ma con la base LA Splash il colore appare più “raggrumato”, più compatto….ok, non so come spiegarlo bene ahahah! La base si può acquistare sul sito americano di LA Splash che spedisce anche in Italia, ma se volete evitare la dogana potete scegliere delle alternative più facilmente reperibili, come la base fissante per ombretto fatta apposta per i glitter di Sephora (l’ho vista nel loro sito).

Infine, ecco gli abbinamenti che ho fatto con Solstice:

20150809_123241_Richtone(HDR)Subito mi è venuto in mente il bellissimo ombretto in crema velvet matt di Pupa numero 500, un bellissimo vinaccia….. guardate cosa viene fuori! *_* Questo abbinamento l’ho provato solo sul braccio perché mi è venuto in mente solo stamattina mentre preparavo il post, quando lo riprodurrò sugli occhi vi farò vedere le foto! 😉

Trovo che l’effetto sia bellissimo, il bordeaux dell’ombretto sotto tira fuori tutti i riflessi blu di Solstice, è davvero luminosissimo! *_*

Spero che questo post vi sia utile se stavate pensando di acquistare qualcuno dei Moondust e il problema del fallout vi tratteneva, o se ne avete qualcuno e non sapete come gestire i glitterini svolazzanti! 😛

Vi mando un bacione a al prossimo post! :*

Annunci

12 thoughts on “Urban Decay Moondust eyeshadows, come evitare il fallout

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...